Writer muore travolto mentre imbratta un treno

treno-writer

 

Un writer di vent’anni è morto travolto da un treno alla stazione di Arona, in provincia di Novara. L’incidente all’alba: secondo le prime informazioni, il giovane dipingeva un vagone con lo spray e non si è accorto dell’arrivo di un treno merci.

A dare l’allarme sarebbero stati alcuni amici. Sono intervenuti i carabinieri. La giovane vittima era residente a Somma Lombardo, in provincia di Varese, al confine tra Lombardia e Piemonte. L’incidente poco prima delle 4. Con gli amici, ascoltati nella notte dai militari dell’Arma, si recava spesso nelle stazioni della zona per dare sfogo alla sua mania di imbrattare beni pubblici

Codacons: “E’ morte annunciata” – Il decesso del giovane writer per il Codacons, “una morte annunciata”. Da tempo – afferma l’associazione – si denuncia “l’invasione in Italia di graffiti e altri disegni realizzati dai writer che appaiono in qualsiasi punto delle città, anche in zone a forte rischio per l’incolumità degli stessi disegnatori”.

“Le istituzioni – sostiene Codacons – non hanno saputo affrontare e combattere il fenomeno dei writer, lasciando loro carta bianca e la facoltà di mettere in pericolo la propria incolumità. Non è ammissibile che questi “artisti” continuino ad imbrattare beni pubblici rischiando la propria pelle ed arrecando oltretutto un danno alla collettività”. Secondo Codacons, bisognerebbe allestire “apposite aree nelle città dedicate ai disegni dei writer”.

TISCALI



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -