Giappone, in 35mila manifestano a Okinawa contro la base militare Usa

 

Migliaia di militanti  hanno manifestato oggi a Naha, la capitale di Okinawa, contro il progetto di ricollocazione di una base militare Usa nell’arcipelago delle Ryukyu, a sud del Giappone. I manifestanti protestano contro il previsto trasferimento della base aerea di Futenma, dove si trovano i Marines Usa, a Henoko, nel nord di Okinawa.

Gli organizzatori hanno calcolato una presenza di 35mila manifestanti.Nel loro vertice avvenuto il 29 aprile a Washington, il presidente Usa Barack Obama e il primo ministro giapponese Shinzo Abe hanno ribadito che il progetto verrà realizzato

.Gli abitandi di Okinawa si oppongono da anni alla presenza militare americana. Metà dei 47mila GI che stazionano in Giappone, sono dislocati Okinawa e questa presenza crea grandi disagi agli abitanti.(Fonte Afp)

giappone-no-USA

Almeno quattro persone sono rimaste uccise oggi in un incendio che ha colpito due alberghi a Kawasaki, nei pressi di Tokyo, mentre altre 19 sono rimaste ferite. L’hanno reso noto oggi i servizi antincendio.I pompieri e la polizia stanno indagando che vi siano altre persone di cui al momento non si sa nulla. Erano circa 60 gli osdpiti delle due strutture ricettive.

“Tre sono i morti confermati, in ospedale, mentre uno è stato trovato morto tra i resti delle fiamme” ha detto una portavoce del Dipartimento dei pompieri di Kawasaki.Secondo l’agenzia di stampa Kyodo, che cita fonti aninime della polizia, si cerca di capire dove siano una decina di persone. (Fonte Afp)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -