Tunisia: l’Italia paga la trasformazione di una chiesa in “Centro Mediterraneo per le Arti”

Condividi

 

Attualmente alcuni degli uffici amministrativi della Municipalità di Tunisi hanno una sede molto particolare: sono collocati nell’antico complesso architettonico della Chiesa di Santa Croce e dell’annesso Presbiterio.

Foto © Associazione per la Salvaguardia della Medina

Foto © Associazione per la Salvaguardia della Medina

 

Grazie a un progetto a dono della Cooperazione italiana, questa suggestiva sede sarà trasformata nel Centro Mediterraneo per le Arti Applicate, uno spazio culturale destinato ad accogliere mostre temporanee, eventi, conferenze e varie attività formative. Il progetto di restauro e di valorizzazione del Complesso di Santa Croce s’inserisce nella strategia globale di conservazione e promozione del patrimonio architettonico e monumentale della Medina di Tunisi, simbolo di tolleranza e d’integrazione culturale.

Il progetto, il cui ente esecutore è l’Associazione per la Salvaguardia della Medina, ha un obiettivo ambizioso: oltre a proporsi come offerta formativa e culturale per gli abitanti della Medina, la sfida sarà anche quella di stimolare un turismo culturale mediterraneo.

Tutto il denaro che l’Italia regala alla Tunisia

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -