Mafia e immigrazione, Odevaine cambiò cognome dopo una condanna per droga

 

3 dicembre – Ha cambiato cognome per nascondere una condanna per droga, poi cancellata dall’indulto, allo scopo di non compromettere la sua carriera nelle istituzioni. È il segreto che Luca Odevaine, 58 anni, prima vice capo di gabinetto con Walter Veltroni, poi capo della polizia provinciale con Nicola Zingaretti e ora al Tavolo di coordinamento nazionale sull’accoglienza per i richiedenti asilo del ministero dell’Interno, è riuscito a celare per 25 anni. Finché, adesso, a rivelarlo è l’ordinanza del gip Flavia Costantini sulla mafia a Roma.

Mafia Capitale: “Con gli immigrati si fanno molti più soldi che con la droga”

La condanna risale al 1989. «Due anni di reclusione per il reato di stupefacenti – scrive il giudice – pena per la quale gli è stato concesso l’indulto nel 1991 e la riabilitazione nel 2003». Ma Odevaine, considerato dalla procura un elemento centrale nel business degli immigrati, non vuole rovinarsi la carriera iniziata a Legambiente negli anni ‘90: e «per non compromettere le sue possibilità istituzionali si fa cambiare il cognome». È un escamotage «di cui nessuna delle amministrazioni interessate si accorge». Negli Stati Uniti, invece, Odevaine non sfugge a più solerti controllori. Il dipartimento di Stato Usa, osserva Costantini, «gli nega il visto d’ingresso per i suoi precedenti penali, fatto di cui l’indagato si duole assai, proprio mentre commette gravissimi reati contro la pubblica amministrazione». corriere.it

Nel video in basso: “A Luca 5mila euro al mese…a un altro che mi tiene i rapporti al comune 1500…a un assessore 10mila euro al mese… ogni mese…noi quest’anno abbiamo chiuso con quaranta milioni di fatturato… gli utili li abbiamo fatti sugli zingari, sull’emergenza alloggiativa e sugli immigrati”, così Salvatore Buzzi in un’intercettazione alla vigilia delle ultime elezioni comunali, riferendosi a Luca Odevaine, ex vice capo di gabinetto con la giunta Veltroni e poi capo della polizia provinciale

odevaine

[dividers style=”5″]

11 lug 2014– ”La presidente della Camera, Laura Boldrini, è in Calabria, per la sua prima visita ufficiale , oggi e domani, 13 luglio.

Incontrerà varie associazioni fra cui la fondazione IntegrA/Azione, fondata da Legambiente e dalla cooperativa Abitus, e guidata da Luca Odevaine (presidente, vice capo di gabinetto con Veltroni sindaco di Roma) e da Francesco Ferrante (vicepresidente, già direttore generale di Legambiente).



   

 

 

2 Commenti per “Mafia e immigrazione, Odevaine cambiò cognome dopo una condanna per droga”

  1. Ma come ha fatto a diventare Comandante Capo con un cognome non suo?
    Se per un concorso ti contano anche i peli del cul… e controllano fino all terza generazione….Mi manca qualche tassello…..

  2. Ma che brava persona: un ottimo curriculum penale per far carriera nel girone infernale cattocomunista. Il più pulito ha la rogna, ma conta sempre la tessera giusta nel partito rosso.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -