Marocchino ubriaco tenta di violentare una donna e devasta caserma Cc

Tentato stupro a Spresiano, 24 aprile 2014

112SPRESIANO, 26 apr –  – Ha bevuto un bicchiere di troppo e si è introdotto in casa della donna per violentarla, armato di coltello. A salvare la 41enne, come riporta la Tribuna di Treviso, il figlio, che avrebbe bloccato l’aggressore e allertato i carabinieri. L’uomo, 41 anni di origine marocchina, entrato in caserma avrebbe dato in escandescenze, spaccando una porta e costringendo i militari a fare intervenire un medico per placarlo.

LA TENTATA VIOLENZA – L’episodio è avvenuto giovedì poco dopo le 18.30. L’uomo, dopo essersi dato all’alcol, ha tentato di stuprare la donna in casa sua a Spresiano. Lei gli ha aperto la porta ritrovandosi con un coltello puntato alla gola. Minacce, palpeggiamenti, urla di disperazione. Il figlio diciottenne ha sentito la madre gridare ed è intervenuto in sua difesa. Proprio nel mezzo della colluttazione sarebbe rientrato anche il compagno della donna, aiutando il giovane a bloccare il malintenzionato.

L’INTERVENTO DEI CARABINIERI – Sul posto, allertati dai familiari della vittima, sono intervenuti gli uomini del 112, ma anche per loro è stata dura tenere a bada l’aggressore, che, portato in caserma, avrebbe rotto una porta e danneggiato alcune suppellettili. In evidente stato di agitazione, è stato necessario l’intervento di un medico, che gli ha somministrato un sedativo. Quando finalmente l’uomo si è calmato, è stato possibile identificarlo. Per lui l’accusa di violenza sessuale, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. Al momento il nordafricano è chiuso in un cella del carcere Santa Bona. Nei prossimi giorni, l’udienza per la convalida dell’arresto.

.trevisotoday.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -