Grecia: la Troika impone nuove misure di austerità, ritoccare stipendi e pensioni

troika

15 OTT – E’ ormai scontro aperto tra il governo di Atene e i rappresentanti dei creditori internazionali della Grecia sulla necessità di adottare o meno nuove misure di austerità per il 2014 che potrebbero andare di nuovo a toccare stipendi e pensioni.

La troika (Fmi, Ue e Bce) insiste che per l’anno prossimo serviranno nuove misure per recuperare due miliardi di euro a causa del superamento del tetto della spesa pubblica, della diminuzione degli introiti in seguito alla ristrutturazione del sistema fiscale e del buco che verrà a crearsi per l’applicazione della tassa unica sugli immobili. Dal canto suo, il ministro delle Finanze, Yannis Stournaras, sostiene che per il 2014 non serviranno nuove misure. Non a caso, prima della riunione dell’Eurogruppo di ieri, l’esponente del Consiglio esecutivo della Bce Joerg Asmussen ha consigliato al governo di Atene di fare “ciò che è necessario per la conclusione dei controlli da parte dei rappresentanti della troika” che si sono interrotti nei giorni scorsi.

Oltre alle misure per il 2014 e il controllo sull’andamento del programma di risanamento dell’economia greca, rimane in sospeso anche il completamento delle misure considerate indispensabili dai rappresentanti della troika per procedere alla concessione della tranche da un miliardo di euro approvata già dallo scorso luglio ma che non è ancora stata assegnata.

(ANSAmed).



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -