Nel 2018 abbandonò il figlio neonato poi morto. E’ già libera

taglio dei punti nascita

TERNI, 23 NOV – E’ stato derubricato da omicidio volontario aggravato a infanticidio il reato contestato alla donna di Terni accusata di avere abbandonato, il 2 agosto del 2018 nel parcheggio di un supermercato di Borgo Rivo, il figlio appena nato e poi morto. La condanna inflitta è stata quindi ridotta da 14 a 6 anni di reclusione, quattro dei quali già scontati. Il processo si è svolto davanti alla Corte d’assise d’appello di Firenze. La donna è attualmente libera. In primo grado era stata condannata a 16 anni di reclusione dal tribunale di Terni con rito abbreviato, ridotti a 14 in appello.

La prima sezione penale della Cassazione aveva però poi accolto il ricorso dei difensori della donna, gli avvocati Alessio Pressi e Attilio Biancifiori, annullando la sentenza della Corte d’assise d’appello di Perugia. Aveva quindi inviato gli atti ai giudici di Firenze per valutare la riqualificazione giuridica del fatto. La difesa della donna ha sempre sostenuto che il reato andasse qualificato come infanticidio e non omicidio volontario aggravato. Tesi ora accolta dai giudici toscani. Gli stessi legali avevano già chiesto e ottenuto circa due mesi fa dalla Corte d’appello di Firenze che la loro assistita tornasse libera dopo poco più di un anno in carcere e tre in comunità. “Siamo soddisfatti perché è stata accolta la nostra tesi” il commento dell’avvocato Pressi. (ANSA)

 

Articoli recenti