UE, “Pil russo crollerà del 11%”

Von der Leyen economia russa

BRUXELLES, 27 SET – “Le nostre sanzioni funzionano, il Pil crollerà del 11%, un crollo maggiore che quello prodotto durante il crollo dell’Urss”. Così il direttore esecutivo del Servizio esterno dell’Ue, Luc Pierre Devigne, durante la sua audizione alla commissione Esteri dell’Eurocamera. “Inoltre la Russia è sempre più isolata, partner come Cina e India hanno espresso le loro preoccupazioni all’intervento militare. Riteniamo perciò che la strada scelta dall’Ue funzioni e che dobbiamo essere ancora più risoluti, non è questo il momento di cedere”, ha aggiunto Devigne.

Ieri (lunedì 26 settembre) la Guardia di Frontiera della Finlandia ha registrato l’ingresso di “7.743 russi attraverso il confine terrestre”, 3.662 russi sono poi usciti dal Paese. Lo fa sapere su Twitter la Rajavartiolaitos, la Guardia di Frontiera finlandese. “Il traffico è ancora intenso ma si è ridotto rispetto al picco del fine settimana: la maggior parte di chi entra si dirige verso altri Paesi”, si legge nell’aggiornamento.  www.ansa.it/europa

Bufala dei russi in fuga dopo il discorso di Putin: la smentita della guardia di frontiera finlandese
“La situazione ai confini della Finlandia non è cambiata in modo significativo oggi con l’annuncio della mozione della Russia. Ci sono video che circolano sui social, almeno alcuni dei quali sono già stati girati in precedenza e presi fuori contesto. Ci sono informazioni errate in circolazione.”

confine russia finlandia

 

Articoli recenti