PIAZZA LIBERTA’ presentazione puntata di sabato 24 settembre

PIAZZA LIBERTA' ritorna sabato 21 maggio

Piazza Libertà è il programma di informazione condotto da Armando Manocchia
IN ONDA OGNI SABATO ALLE 20,30 SU BYOBLU CANALE 262DT CANALE 816SKY CANALE 462 TIVUSAT

OSPITI di questa sera, sabato 24 settembre 2022

La Dott.ssa Gaia Bernabovi, danneggiata dal “vaccino”, ci racconterà la sua odissea in seguito ai danni, peraltro RICONOSCIUTI, prodotti dal siero magico e delle difficoltà oggettive di tornare a condurre una vita “normale”.

Il Dott. Roberto Serpieri, Ing, PhD, Prof. Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale Università degli Studi della Campania
e il Dott. Fabio Franchi già Dirigente Medico ospedaliero; specializzato in: Igiene e Medicina Preventiva; Malattie Infettive, parleremo del loro studio che verte su basi bibliografiche, sperimentali e teoriche, sulla PCR mettendo in luce elementi che confutano l’attendibilità della PCR stessa.

Il Dr. Franchi e il Dr.Serpieri hanno diffuso in vari formati (più o meno tecnici o divulgativi a seconda dei vari contesti), i risultati di alcune ricerche che disvelano l’esistenza di artefatti scientifici su scala decennale retrostanti la cosiddette metodologie PCR che è la base del presunto test covid, che si radicano sin nella disinformazione scientifica degli anni ’50 del secolo scorso.
(Ricordiamo che la metodologia PCR è la base del presunto test covid)

I risultati dello studio indicano in termini chiari e cristallinamente accertabili da chiunque, elementi di evidenza di carattere storico, bibliografico e quantitativo che mettono in luce come la PCR, ove utilizzata come metodica per leggere o amplificare specifiche sequenze di informazione genetica (ad esempio a scopo medico diagnostico nei cosiddetti tamponi covid) e misurare l’esito delle operazioni di lettura o amplificazione, produca artefatti di misura, si noti bene, *a qualsiasi numero di cicli*.

Secondo lo studio, le implicazioni di queste conclusioni sulla sostenibilità argomentativa della narrazione pandemica appaiono dirompenti per due motivi:

1     i risultati dello studio indicano che i tamponi PCR rilevano artefatti di misura essendo dunque privi di validità diagnostica (per implicazione logica si trae che anche altre metodiche diagnostiche tarate sui tamponi sono altrettanto prive di validità);

2      ancora più clamorosa è l’implicazione dei risultati dello studio dal punto di vista dell’analisi eziologica; infatti, dal momento che, come ha messo in luce il Dr. Franchi, l’asserito isolamento virale è descritto con una procedura che fa uso della stessa PCR, viene a cadere l’ipotesi eziologica che le sindromi respiratorie viste a Bergamo sin da marzo 2020 siano tutte imputabili a un nuovo virus delle coronaviridae.

Il Test Molecolare (Tampone PCR) è Il test consigliato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dal Ministero della Salute attualmente RITENUTO più affidabile per la diagnosi di infezione da SARS-CoV-2. Ovvero il test di amplificazione dell’acido nucleico, o test molecolare (Tampone PCR) serve ad individuare la presenza del virus SARS-CoV-2 in un campione prelevato con un tampone a livello naso/oro-faringeo oppure tramite la raccolta di saliva.

PCR è l’acronimo di Polymerase Chain Reaction. Vale a dire la reazione a catena della polimerasi. La tecnica fu messa a punto da Kary Mullis (1944 – USA)

 

Articoli recenti