Trieste, nel campo Rom un tesoro di gioielli e monili rubati

Nel campo Rom un tesoro di gioielli e monili rubati, arrestato 46enne a Trieste. All’interno del campo rom, nei pressi della sua baracca, c’è la “sua” montagnola, all’apparenza di soli rifiuti. Ben presto, però, diventa un punto di riferimento per tutti gli abitanti del posto, per il continuo via vai: chi si avvicinava a mani vuote, solitamente se ne andava via con qualcosa.

Con una perquisizione il mistero viene svelato: in mezzo agli scarti ed al materiale accatastato, si celano smartphones, confezioni di profumo, tutto il necessario per la cura del corpo delle migliori e rinomate marche. Il tutto frutto di furti avvenuti chissà dove.

In un lampo la montagnola sparisce, e la stessa sorte tocca al suo proprietario che, nel frattempo, dopo la denuncia di ricettazione, viene condannato. A rintracciarlo è una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Villa Opicina che, a seguito di un controllo operato a bordo di un autobus di linea diretto in Romania, si insospettiscono sul soggetto che porta con se numerosi borsoni. I militari scoprono che sull’uomo, un cittadino romeno di 46 anni, pende un mandato di cattura, dovendo scontare 8 mesi di reclusione per ricettazione. www.affaritaliani.it

Condividi

 

Articoli recenti