G20, attivisti di Climate Camp protestano scortati dalla polizia

attivisti di Climate Camp

“La catastrofe arriva, è tempo di agire” e “Da Roma a Glasgow le vostre iniziative sono il problema”, questi alcuni degli slogan scanditi dagli attivisti di Climate Camp partiti questa mattina in corteo da via Cristoforo Colombo e che hanno raggiunto il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, scortati dalle forze dell’ordine.

“Ci dirigiamo al ministero che è l’esempio di quello che non vogliamo. Una transizione ecologicamente finta”, ha detto uno dei manifestanti. “Se non cambierà bloccheremo le città”, hanno urlato i presenti. La protesta degli attivisti è terminata all’arrivo al Mite, alcuni manifestanti si sono spostati in una rotonda alle spalle dell’edificio, controllati dalle forze dell’ordine.

L’élite di Davos vuole 6000 miliardi dollari all’anno “per la transizione verde”

Attivisti di Climate Camp bloccano il traffico

I manifestanti si sono ritrovati questa mattina sulla via Cristoforo Colombo, a Roma vicino, alla zona di massima sicurezza all’Eur per il G20. Cinquanta attivisti del Climate camp hanno bloccato il traffico, sedendosi al centro della carreggiata. Le forze dell’ordine li hanno sgomberati: i manifestanti si sono lasciati sollevare di peso facendo resistenza passiva. Poi ha preso via il corteo diretto al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, dove poi la protesta è terminata.  https://tg24.sky.it

Condividi