Covid, Israele: il 42% dei pazienti gravi non è vaccinato

Israrele, tornano le restrizioni nonostante i vaccini

Sono quasi 4.000 i contagi da coronavirus in Israele oggi, 3 agosto 2021, secondo i dati del bollettino con i numeri delle ultime 24 ore. I dati del ministero della Salute riportati da Ynet fanno riferimento a altri 3.818 israeliani risultati positivi al test per il Covid-19 e di un tasso di positività rispetto al numero di esami effettuati arrivato al 3,78%.

Si tratta, scrive il Jerusalem Post, del bollettino più preoccupante da inizio marzo e con altri 15 decessi da lunedì mattina il Paese registra il bilancio più grave da quattro mesi. I pazienti in condizioni definite gravi sono 221, nove in più rispetto a ieri, 66 in più – sottolinea ancora il giornale – rispetto a martedì scorso. Secondo i dati del ministero della Salute, aggiunge Haaretz, il 42% dei pazienti in condizioni gravi non è vaccinato contro il coronavirus.

I casi attivi, riporta Ynet, sono 22.345 e sono 6.492 le vittime dall’inizio della pandemia. Il gabinetto ministeriale per il coronavirus si riunirà nelle prossime ore e si parlerà di nuove restrizioni.  adnkronos

Condividi

 

2 thoughts on “Covid, Israele: il 42% dei pazienti gravi non è vaccinato

  1. ” Il 42% dei pazienti in condizioni gravi non è vaccinato contro il coronavirus” ……..quindi il restante 58% dei pazienti gravi è vaccinato?

Comments are closed.