Senegal: proteste contro legalizzazione dell’omosessualità

colettivo And Samm Jikko Yi

DAKAR, 23 MAG – Diverse centinaia di persone hanno manifestato oggi a Dakar, in Senegal, per chiedere che l’omosessualità diventi un reato. Lo riferiscono giornalisti dell’Afp, precisando che attualmente nel Paese non è illegale dichiararsi gay ma il sesso in flagranza è già punito con il carcere fino a cinque anni.

Alla manifestazione, organizzata da And Samm Jikko Yi, collettivo della società civile che dice di voler promuovere “valori corretti”, hanno partecipato leader religiosi e personalità della società civile. Tra applausi e slogan a interventi che sostenevano la legittimità dell’omofobia, alcuni manifestanti sono andati oltre, gridando frasi come: “Li uccideremo”, o “li bruceremo vivi”.

legalizzazione dell’omosessualità esclusa

Il governo del Senegal ha ripetutamente escluso la legalizzazione dell’omosessualità. Il presidente, Macky Sall, ha già sottolineato in passato che sebbene gli omosessuali non siano ostracizzati nella nazione di 16 milioni di abitanti, il divieto delle pratiche omosessuali riflette le consuetudini culturali. Le relazioni omosessuali consensuali sono legali in 21 dei 54 Paesi africani, secondo un rapporto del 2019 dell’Associazione internazionale di lesbiche, gay, bisessuali, trans e intersessuali. (ANSA).

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Tra la predicazione degli imam, una petizione e un progetto di legge nel mirino, tutto è stato pianificato per impedire il dispiegarsi dell ‘”agenda” internazionale per incoraggiare l’accettazione dell’omosessualità. “In cambio di aiuti economici, stanno imponendo ai paesi dipendenti, come il Senegal, un programma di legalizzazione dell’omosessualità, attraverso la firma di convenzioni internazionali. E tutti sanno che questi accordi annullano le costituzioni dei paesi, ha affermato l’Imam Birama Sarr, nel suo sermone di venerdì 16 aprile, alla moschea di Bel-Air.”

“Con una determinazione simile alla volontà delle organizzazioni per i diritti umani, il membro di E Samm Jikko Yi denuncia questi accordi internazionali che riguardano più i diritti delle persone LGBTIQ che le economie morenti dei paesi poveri. Perché, assicura, ‘ogni epoca ha i suoi mezzi di lotta. Che chiunque, se presente, sia pronto ad accompagnare il Profeta Muhammad alla battaglia di Badr, sappia che una battaglia più grande si profila “.

Condividi