Mozione di sfiducia, Speranza: “no linguaggio di odio”

Mozione di sfiducia Speranza

“Nessuno di noi dovrebbe mai dimenticare che il nemico è il virus e che dovremmo essere più uniti che mai nel combatterlo, evitando di cadere nella tentazione di utilizzare la lotta alla pandemia per ragioni strumentali”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento in Aula Senato, durante la discussione della mozione di sfiducia nei suoi confronti.

Mozione di sfiducia, linguaggio di odio

“È con amarezza che vedo nelle ultime settimane prevalere invece lo scontro politico – afferma Speranza – spesso anche alimentando un linguaggio di odio che non può mai essere accettato. Si afferma il tentativo di sfruttare l’angoscia di tanti italiani per miopi interessi di parte. Questo è profondamente sbagliato, perché produce danni enormi, non a me o al Governo, ma all’intero Paese che invece deve restare unito – sottolinea – in un passaggio così delicato”.

“Il Paese deve restare unito in un passaggio così delicato. Questo ci ha chiesto il presidente Mattarella quando ha proposto a tutti noi di sostenere il nuovo governo Draghi. Questo ho sempre ribadito in ogni mio intervento in Parlamento e questa rimarrà sempre la mia linea: unità, unità, unità!”, rimarca il ministro della Salute.  adnkronos

Condividi