Corte costituzionale tedesca boccia ricorso contro Recovery

recovery Corte costituzionale tedesca

FRANCOFORTE, 21 APR – La Corte costituzionale tedesca ha respinto il ricorso contro il piano europeo di ripresa del Recovery fund. La Corte di Karlsruhe a fine marzo aveva accolto l’esame del ricorso, presentato dal fondatore dell’Afd e che ha finora impedito al presidente della Repubblica federale di ratificare la legge votata a larghissima maggioranza da Bundestag e Consiglio delle regioni. Un procedimento che ha di fatto congelato il Recovery Fund. (ANSA).

26 marzo 2021-  La Corte suprema tedesca aveva sospeso la ratifica del Recovery fund, dopo che il Parlamento lo avevo approvato in via definitiva. Lo si legge in un comunicato. La Corte Costituzionale frena chiedendo che il Presidente della Repubblica non firmi la legge approvata dal Bundestag e dal Bundesrat a causa di un procedimento in via d’urgenza presentato dal fondatore di Afd, l’economista anti-euro Bernd Lucke, poi fuoriuscito dal partito di ultradestra.

Recovery, eccezione di incostituzionalità

Lucke ha sollevato eccezione di incostituzionalità per il pacchetto di aiuti europei a nome del gruppo dei Bündnisses Bürgerwille (BBW), una sorta di associazione di sedicenti cittadini volenterosi, impegnata fin dal lontano 2012 a ingolfare di carte bollate gli uffici di Karlsruhe nel timore che l’unione monetaria si trasformi prima o poi nello spettro della “Transfreunion”, l’Unione dei trasferimenti. Naturalmente, i cittadini volenterosi non sono gli unici a temere insidie dietro il piano miliardario europeo.

Anche Matthias Herdegen, docente di giurisprudenza e direttore dell’istituto di Diritto pubblico all’Università di Bonn sostiene che l’Unione Europea è andata oltre le proprie competenze ed esiste “una doppia confusione delle responsabilità dal lato delle entrate e delle spese”: “L’Ue non ha potere di indebitamento”, ha detto all’Handelsblatt, e infatti il bilancio di Bruxelles è alimentato dalle proprie risorse, principalmente dai contributi degli Stati membri.

“I crediti che ora devono essere contratti sul mercato dei capitali sono fondi presi in prestito”, ha aggiunto Herdegen. Il Capo dello stato dovrà attendere la pronuncia degli alti togati. Non è stato comunicata la tempistica di una decisione sul ricorso.  www.rainews.it

Condividi