D’Alema presidente della società cinese che ha venduto ventilatori farlocchi all’Italia

D'alema

Ventilatori non a norma venduti all’Italia, Massimo D’Alema è il presidente della società cinese. Il Coronavirus in Italia continua ad essere un’emergenza. La questione principale adesso è relativa ai vaccini, poche le dosi a disposizione delle Regioni e campagna che procede a rilento. Ma all’inizio della pandemia i problemi erano molteplici, a causa soprattutto della difficoltà nel reperire gli strumenti di protezione, dalle mascherine ai gel igienizzanti fino ai ventilatori polmonari per fronteggiare le difficoltà nei reparti di terapia intensiva, affollati.

Proprio su questi dispositivi – si legge sulla Verità – è emerso un nuovo retroscena. La società cinese che ha venduto all’Italia 140 dispositivi, rivelatisi poi non a norma, ha come presidente onorario l’ex presidente del Consiglio Massimo D’Alema. “Non percepisce soldi, ha una carica che non prevede rimborsi”, si affretta a precisare uno stretto collaboratore dell’ex premier.

D’Alema e Rutelli

Ma dai vecchi organigrammi della società Skill Road Cities Alliance, spunta anche un altro ex esponente della sinistra, Francesco Rutelli, che non smentisce la notizia ma spiega. “Sono stato co-presidente per un solo giorno”. Sarebbe stato D’Alema – prosegue la Verità – stando ai documenti cinesi a rassicurare il governo italiano sull’acquisto dei dispositivi.  affaritaliani.it

Condividi

 

2 thoughts on “D’Alema presidente della società cinese che ha venduto ventilatori farlocchi all’Italia

    1. É comprensibile il motivo per il quale i politici italiani in media, siano i più scortati al mondo. Se girassero in solitudine per le strade durerebbero meno di un gatto in tangenziale…

Comments are closed.