Accuse a Giorgia Meloni? Il pentito aveva già rettificato

accuse a Giorgia Meloni

“Guarda un po’ cosa riporta il quotidiano ‘Latina Oggi’. L’attendibilissimo pentito dello scoop di ‘Repubblica’ secondo il quale avrei consegnato 35 mila euro in una busta del pane a un clan di rom aveva ‘rettificato’ le accuse nei confronti miei e di Fdi già molto tempo fa”. Lo scrive su Facebook Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia.

“È negli stessi atti utilizzati da ‘Repubblica’ per gettare fango su di noi, ma evidentemente quella parte dei verbali non era piaciuta a chi doveva costruire accuse fondate sul nulla per attaccare l’unica forza di opposizione della Nazione. Che sorta di giornalismo è questo? Nessuno si vergogna per questo squallore?”, si chiede.

Scrive www.latinaoggi.eu  – A suffragio di quanto sostiene la leader di Fratelli d’Italia, interviene lo stesso Agostino Riccardo con una dichiarazione rilasciata due mesi dopo la precedente, il 7 dicembre 2018, al Pm Barbara Zuin.

Accuse a Giorgia Meloni rettificate

«Voglio precisare una cosa sulla quale ho pensato a lungo. Ho riferito del pagamento di 35.000 euro che ho ricevuto da un signore per la campagna elettorale del 2013 in favore di Pasquale Maietta. Ho ricordato che prima di ricevere i soldi, vi era stata la presentazione da parte della Meloni di Maietta quale candidato, avvenuta presso il centro commerciale Latina Fiori. Noi eravamo presenti, ma ovviamente in disparte. C’era molta gente, diversi esponenti politici e diverse persone dello staff della Meloni. Tra queste era presente l’uomo che mi ha consegnato i 35.000 euro all’Eur».

E’ un’altra narrazione. Nessuna presentazione, nessuna richiesta di denaro «in diretta», nessuna indicazione di rivolgersi a questo o quel segretario. E soprattutto, nessun seguito investigativo, visto che non c’è neppure prova che quella dazione di denaro sia avvenuta. Il che consente a Giorgia Meloni di concludere così: «Credo di operare in un Paese democratico e sono convinta che l’Italia non sia il Myanmar, dove si possono fare colpi di stato arrestando il leader del partito che ha vinto le elezioni e che era alla guida del Governo».

Condividi