Confcommercio: “Noi imprenditori siamo alla disperazione”

confcommercio chiusure

Non solo indennizzi, ma anche «più credito e per questo occorre intervenire a livello europeo per evitare che si riducano i finanziamenti alle piccole e medie imprese», sostiene il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli.

A suo parere «tenere alta la guardia nei confronti dell’epidemia in questa fase delicatissima caratterizzata dalla diffusione delle varianti del coronavirus, proprio nel momento in cui dovrebbe decollare la campagna di vaccinazione, non si discute. Però non si può dimenticare la disperazione di molti imprenditori che vanno salvati ora per dar loro la possibilità di continuare a creare ricchezza e occupazione dopo», aggiunge il presidente di Confcommercio

Integratori alimentari Free Health Academy

Confcommercio: da chiusure costi drammatici

«Bisogna costruire una risposta che vada oltre il modello del “più chiusure” con i suoi drammatici costi economici e sociali, puntando invece e anzitutto sul “più vaccini”.

Insieme, vanno rafforzate l’azione di sequenziamento del virus, la capacità di monitoraggio e tracciamento dei contagi, la selettività territoriale delle misure di contrasto dei focolai, l’efficacia dei controlli. Senza dimenticare scuola e trasporti». agenpress

Imprese, Gruppo dei 30: le banche decideranno chi deve fallire e chi no

Condividi