Usa: il mistero del ‘cornuto’ con il genero di Nancy Pelosi

Le fotografie raccontano storie. E la foto dello strano sciamano che ha guidato l’assalto al Campidoglio Usa con il genero della speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, ne sta alimentando a iosa nel web.
Per i sostenitori di Trump sarebbe la pistola fumante di un’operazione sporca allestita per distruggere Trump. Ci limitiamo a registrare la bizzarria, dedicando allo scatto un articolo di colore, che certo lo merita.

L’uomo immortalato con il cornuto è Michiel Vos, giornalista olandese che ha sposato la figlia della Pelosi, strenua nemica di Trump. Abbiamo cercato qualcosa su di lui su Google senza trovare molto.
Si capisce solo che la sua augusta parentela gli permette di aver dimestichezza con luoghi negati ad altri cronisti, come dimostra un’orgogliosa photo opportunity che lo vede in posa in una delle più alte stanze del potere americano, e aver familiarità con persone di alto livello, come da video con Obama.

E fa di lui un giornalista particolare, una sorta di ambasciatore informale del suo Paese negli States, almeno così sembra da un’altra foto che lo immortala mentre accompagna i reali dei Paesi Bassi in una visita in America.

Per alcuni sostenitori di Trump avrebbe guidato lui il cornuto nelle segrete stanze del potere, in coordinamento con la Pelosi.

Turista per caso – L’Associated Press, tra le altre testate, rigetta con sdegno tale tesi, chiarendo che Vos era al Campidoglio in qualità di cronista, per conto del canale televisivo olandese, Janek 4.

Interpellato sulla foto, Vos nega di aver avuto rapporti col cornuto che l’accompagna nello scatto, aggiungendo che nell’occasione non ha avuto contatti con la Pelosi e sua figlia, che durante l’assalto sono state portate in un bunker militare, rivelando anche l’angoscia dell’occasione.

L’Ap rimanda anche al servizio fatto per Janek 4, nel quale, in un impeccabile cappotto blu, Vos racconta, con lo sdegno dovuto, l’assalto a Capitol Hill.

Non appare realistica neanche a noi l’idea  che la Pelosi, da dentro, dirigesse l’operazione Capitol Hill. Certe cose, quando e se si fanno, si fanno in altro modo.

Ma la foto scattata poco prima dell’assalto non può non destare la curiosità del caso, dato che le gesta dello strano sciamano di lì a poco avrebbero distrutto l’acerrimo nemico dell’augusta suocera. Bizzarro il destino, quando ci si mette.

Nello scatto, Vos non indossa l’elegante cappotto blu sfoggiato nel servizio Tv, ma veste sportivo, felpa giovanilistica e giacchetto casual.

Interpellato sul punto, ha spiegato che nell’occasione si era mischiato ai manifestanti in qualità di “turista”. Ed evidentemente si era vestito in modo adeguato. Con auricolari vistosi, di quelli per cellulare o altro. Turismo un po’ particolare, ma i gusti son gusti.

I due sono isolati, non sembra esserci gente attorno, così che l’effetto ottico che ottiene la foto, la suggestione, è che i due stiano parlando o abbiano appena finito.

Il cornuto, infatti, ride di gusto, e sembra quasi farlo al suo indirizzo, ma anche qui può essere un effetto ottico.

I due non sono in posa, gli occhi di Vos sembrano fissarsi sul il fotografo occasionale con certa sorpresa e fastidio, seccato, sembra, per quella che evidentemente sente come una violazione della privacy. E sembra di scorgere in quello sguardo un tacito interrogativo, come se si stesse chiedendo il perché di quello scatto rubato.

Fin qui le curiosità suscitate dalla foto. Come incuriosisce il fatto che il giornalista non abbia subito raccontato in Tv del suo incontro ravvicinato con lo sciamano che per ore ha tenuto in scacco il mondo. La foto, infatti, è stata pubblicata da altri.

Certo, anche se Vos non ha parlato col cornuto, come dice, lo ha incrociato da presso. Un giornalista che sa cogliere l’occasione non avrebbe mancato il momento per uno scoop.

Sul cornuto sono stati versati fiumi di inchiostro, Vos avrebbe anticipato tutti. Né aveva da temere imbarazzanti conseguenze, stando alle sue dichiarazioni postume riguardanti il turismo di piazza. Non indulgendo in dietrologie, ci limitiamo a registrare che al ragazzo manca il fiuto giornalistico.

Fonte – https://piccolenote.ilgiornale.it

Condividi