Usa, censurano notizie su figlio di Biden: Facebook e Twitter a giudizio

I repubblicani della commissione giudiziaria del Senato Usa hanno votato per autorizzare la citazione in giudizio per il CEO di Facebook Mark Zuckerberg e il CEO di Twitter Jack Dorsey. I due testimonieranno sulla gestione di un recente articolo del New York Post non verificato sul figlio di Joe Biden. Twitter e Facebook avevano rispettivamente impedito la condivisione di materiale definito compromesso e in violazione di norme sulla privacy.

L’articolo del Post accusava Hunter Biden di avere mediato un incontro tra un dirigente della società di gas ucraina Burisma Holdings e suo padre all’epoca vicepresidente. L’analisi si basava su e-mail trovate su un laptop lasciato in un’officina di riparazione di computer nel Delaware e consegnato a Rudy Giuliani, l’avvocato personale di Trump. L’FBI, che sta indagando sul caso, teme che si tratti di disinformazione russa e intanto alcuni dei giornalisti che hanno lavorato all’articolo, hanno chiesto che il loro nome venga cancellato.  affaritaliani.it

Ucraina: il cerchio si chiude, il figlio di Biden entra nella principale azienda di gas del Paese

Condividi