Cacciari: “Pd apre a Renzi solo per mettere in difficoltà Zingaretti”

“Sono discorsi che lasciano il tempo che trovano. Non è una questione di porte aperte o chiuse, bisogna vedere cosa fai nella ‘stanza’. Se si sono chiariti le idee trovando programmi comuni ce li spieghino e allora potrebbe andar bene anche tornare insieme, altrimenti non ha senso. Credo poi che parlare di cose così in astratto è solo ‘politichese marcio’. A me, per il momento, risulta che l’unica cosa che fanno insieme è sostenere questo governo. Comunque credo che le ultime ‘manovre’, sulle possibili ed eventuali aperture agli ex Pd, abbiano questo sapore qua, ovvero: mettere in difficoltà Nicola Zingaretti”.

Integratori alimentari Free Health Academy

Lo dice all’Adnkronos il politologo Massimo Cacciari, in merito alle dichiarazioni di alcuni esponenti del Pd sulla possibilità del rientro di Renzi e Bersani nel partito. Riguardo poi a un ipotetico scenario politico post elezioni, Cacciari dice all’Adnkronos che “se dovesse ‘cadere’ la Toscana ad essere in pericolo sarebbe Zingaretti, non il governo”.

Bonaccini – “Se mi chiedi se devono rientrare Renzi e Bersani io dico ‘rientrino pure’. Noi dobbiamo riportare quelli che sono usciti e non ci votano piu’, non Renzi e Bersani in quanto tali. Perché il Pd non può rimanere al 20% e se rimane al 20% nei prossimi anni vuol dire che, quando si voterà per le politiche, noi non vinceremo le elezioni”.

Così il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, durante la Festa dell’Unità a Modena, rispondendo ad una domanda sulla possibilità che Renzi e Bersani rientrino nel Pd.

 

Condividi