Sostiene innocenza di Olindo e Rosa, Marzouk a processo per calunnia

Azouz Marzouk dovrà presentarsi in aula il 25 novembre e sarà interrogato. Il tunisino, coinvolto nella strage di Erba, in cui l’11 dicembre 2006 vennero uccisi sua moglie Raffella Castagna, la suocera Paola Galli e suo figlio Youssef di soli 2 anni, siederà però sul banco degli imputati. L’accusa è di calunnia.

Marzouk, infatti, ha più volte sostenuto, anche a mezzo stampa, l’innocenza dei due assassini rei confessi e condannati all’ergastolo, gli ex vicini di casa Rosa Bazzi e Olindo Romano. Secondo il tunisino, i due, quando confessarono la strage, mentirono, ma per i giudici di Milano si tratta di calunnia, visto che sulla base di quella confessione i due imputati vennero poi condannati. Da tre gradi di giudizio. affaritaliani.it

Condividi