Coronavirus, Burioni: isolare i terribili ‘superdiffusori’

Diverse analisi epidemiologiche “hanno confermato che un piccolo numero di individui è responsabile per la grande maggioranza dei casi. Sono i superdiffusori. Isolare questi terribili ‘superspreader’ consentirebbe di controllare eventuali ‘ritorni di fiamma’ dell’epidemia, senza misure estreme di isolamento sociale che hanno un effetto drammatico, non solo sull’economia, ma anche sulla qualità della vita delle singole persone”. Lo spiega il virologo Roberto Burioni in un articolo pubblicato sul sito ‘MedicaFacts’ fondato proprio dallo scienziato per la divulgazione scientifica e la lotta alle fake news.

“Una quantità spaventosa di malati di Covid-19 non ha trasmesso la malattia a nessuno! – ricorda Burioni – Certo, sono numeri piccoli e devono essere presi con prudenza, ma altre analisi epidemiologiche hanno confermato che un piccolo numero di individui è responsabile per la grande maggioranza dei casi”. Sono i superdiffusori. Per spiegare questo fenomeno il virologo applica la legge di Vilfredo Pareto all’emergenza Covid-19. “L’ingegnere ed economista del secolo scorso sosteneva che la maggior parte degli effetti è dovuta a un numero ristretto di cause – evidenzia Burioni -, e potrebbe essere così anche per quest’epidemia. I contagi potrebbero essere imputabili a pochi superdiffusori”.

Nel caso del coronavirus, certamente, la maggior parte delle infezioni è dovuto a poche persone, i temibili ‘superspreader’, ovvero ‘superdiffusori'”. “Ne abbiamo già parlato, ma un recente lavoro svolto a Hong Kong ha stabilito che su 349 casi locali, ben 196 erano dovuti a sei (ripeto, 6) eventi di superspreading. Addirittura, una sola persona sembra averne infettate 7 – conclude Burioni – Proprio in questo studio si evidenzia come il 20% dei casi, tutti legati a eventi di riunione sociale, erano responsabili dell’80% dei contagi. Insomma, pare che per il Covid-19 Vilfredo Pareto ci avesse visto giusto”.  ADNKRONOS

🔺🔺Coronavirus, “Oms e governi si sono basati sui dati ‘taroccati’ forniti da uno scrittore di fantascienza e da una modella di riviste porno”

Coronavirus, “Oms e governi si sono basati su dati ‘taroccati’”

Condividi