Governo, Italia Viva sul piede di guerra “il problema è Conte”

 

Giurano che non è un bluff, assicurano che una valutazione seria è in corso e che, se entro mercoledì, non ci sarà un chiarimento con il premier Giuseppe Conte ogni scenario è aperto. Italia Viva è sul piede di guerra. E la mozione Bonino su Alfonso Bonafede potrebbe essere lo strumento per il redde rationem. “Conte non dia per scontato che tanto votiamo contro”, dice un big Iv all’Adnkronos.

C’è irritazione perché dopo l’ultimo incontro a palazzo Chigi con il premier che aveva, pur nelle difficoltà, aperto un canale di dialogo, i rapporti si sono di nuovo interrotti. “Conte è scomparso. C’erano delle questioni aperte sulle quali tornare e invece… per carità, capiamo tutto: il decreto rilancio, le Regioni, le riaperture ma pensiamo che il premier debba anche farsi carico della tenuta del suo governo. Non si illuda che il nostro sia un bluff”, prosegue la stessa fonte.

La mozione Bonino su Bonafede è sullo sfondo e Iv in assenza di un chiarimento potrebbe votarla. “Per noi la mozione Bonino è perfetta e tanti di noi sarebbero pronti a votare la sfiducia a Bonafede. Mettiamola così: noi non vorremmo votare quella sfiducia, ma Conte deve darci il modo di farlo. Deve dirci che da domani le cose cambiano”, si spiega da Iv.

Il problema, dicono i renziani, non sono i rapporti nella maggioranza ma con Conte. “Noi non pretendiamo che il Pd o i 5 Stelle la pensino come noi ma un dialogo c’è. Il problema è Conte. Persino i rapporti con i 5 Stelle sono migliori di quelli con il premier…”. Iv chiede dunque un passo al presidente del Consiglio perché accolga il pacchetto di proposte di cui si è discusso nell’ultimo incontro e perché ci sia un cambio di passo nella ‘considerazione’ di Italia Viva nella maggioranza. adnkronos

Condividi