Calciatore turco uccide figlio di 5 anni malato di coronavirus

Condividi

 

Il mostro del calcio. Cevher Toktas, difensore turco 32enne dell’Yildirimspor (dilettanti) ha confessato di aver ucciso il figlio di 5 anni in ospedale, dove entrambi erano ricoverati per coronavirus. La confessione è avvenuta circa 10 giorni dopo la morte del piccolo Kasim, e le parole di Toktas fanno venire i brividi.

Ha spiegato ai poliziotti di aver soffocato il figlio: “Gli ho schiacciato il cuscino sul volto mentre era disteso sulla schiena. Per 15 minuti non ho smesso di pressare. Quando ha finito di muoversi, ho tolto il cuscino e ho chiamato i dottori”. Per questo motivo il decesso non ha destato sospetti, essendo stato archiviato come una violentissima crisi respiratoria legata al virus.

A spingere Toktas verso questo folle gesto, una motivazione assurda: ha rivelato di “non aver mai voluto bene” al figlio. Secondo i media locali, il calciatore soffriva di esaurimento nervoso.

https://www.liberoquotidiano.it/news/sport/22615145/cevher_toktas_turchia_ucciso_figlio_ospedale_soffocato_coronavirus.html

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -