Libia: 6000 migranti tunisini assaltano confine per tornare in Patria

La Tunisia apre le porte per porre fine al caos mentre centinaia di persone sono rimaste bloccate sul confine chiuso della Libia. La riapertura è arrivata dopo che diverse centinaia di lavoratori migranti tunisini si sono fatti strada attraverso il confine libico nel fine settimana, quando la pandemia di coronavirus ha cominciato a diffondersi. Ma non sono stati in grado di attraversare il confine perché il loro paese ha chiuso le sue frontiere il 16 marzo. Una grande folla si è quindi radunata sulla polverosa strada nel deserto vicino al confine, nel punto di attraversamento a Ras Jedir.

Federico Soda, capo della missione dello IOM in Libia, ha affermato che la gente ha iniziato a riunirsi sul lato libico del confine all’inizio di aprile e lo scorso fine settimana circa 1.000 persone erano in attesa di attraversare. “Quella sera, mi è stato detto che un gruppo tra le 200 e le 300 persone ha forzato il cancello alla frontiera per farsi strada in Tunisia prima che la sicurezza libica fosse in grado di riprendere il controllo”.

Le guardie di frontiera della Tunisia, rendendosi conto della gravità della situazione, hanno chiamato i rinforzi e alla fine hanno aperto le porte per consentire un ingresso controllato.

In seguito il governo ha detto che altri 652 cittadini sono entrati in Tunisia, con l’ultima persona che ha attraversato lunedì alle 23:00 ora locale. “Gli uomini sono stati tutti intervistati dalla sicurezza per vedere cosa avevano fatto in Libia e come erano entrati nel paese”.

Il conflitto in Libia ha attirato migliaia di combattenti stranieri, tra cui i tunisini.  6.000 tunisini che lavorano nella vicina Libia, dovrebbero  presto tentare di raggiungere il confine. Non esiste ancora un piano ufficiale per consentire loro di attraversare la frontiera.

Nonostante il tumulto che ha travolto la Libia dal 2011, il paese è una prospettiva allettante per i lavoratori tunisini. Un gran numero di persone è attratto dal lavoro nel settore petrolifero e del gas, o quello che fino a poco tempo fa era un settore edilizio sano, nonostante la guerra.

Il contrabbando ha anche dimostrato di essere una fonte di reddito gratificante su entrambi i lati della frontiera per decenni.

https://www.aljazeera.com/amp/news/2020/04/hundreds-tunisians-stranded-libya-cross-border-200421182123502.html

https://www.thenational.ae/world/mena/tunisia-opens-gates-to-end-chaos-as-hundreds-stuck-on-closed-libya-border-1.1009519

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi