Attacco in casa del rabbino: l’aggressore “ha disturbi mentali”

Grafton Thomas, l’uomo che si è reso protagonista di un’aggressione nella casa di un rabbino nello stato di New York, ha «una lunga storia di malattie mentali e ospedalizzazioni», ha dichiarato la famiglia tramite un legale.

In un primo momento si era pensato che Thomas potesse avere compiuto altri attacchi di matrice antisemita, ma l’avvocato Michael Sussman – in un comunicato inviato al Mid Hudson News – nega: «Non ha una storia nota di antisemitismo ed è cresciuto in un contesto familiare che abbraccia e rispetta tutte le religioni e le razze. Non è membro di nessun gruppo d’odio».

Una fonte di polizia, che si è confidata con il Washington Post mantenendo l’anonimato, ha spiegato che Thomas è stato arrestato almeno sette volte dal 2001 a oggi. In un’occasione è finito in manette per aver aggredito un cavallo della polizia.

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi