Fondazione renziana Open, accuse di riciclaggio e traffico di influenze

Perquisizioni della GdF sono in corso a Firenze e in altre città italiane nell’ambito di sviluppi delle indagini relative all’inchiesta della procura fiorentina sulla Fondazione Open che era stata costituita per sostenere le iniziative politiche dell’ex premier Matteo Renzi.
Secondo quanto appreso, la Procura, tra i reati contestati nell’inchiesta a vario titolo, considera il riciclaggio, il traffico di influenze e l’autoriciclaggio.

Tra le città dove i finanzieri stanno eseguendo le perquisizioni ci sono Firenze, Milano, Modena, Torino, Bari, Alessandria, Pistoia, Roma, Napoli, Palermo. L’inchiesta sulla fondazione Open – da cui sarebbero scaturite queste perquisizioni – è emersa nel settembre scorso quando a Firenze venne perquisito lo studio dell’avvocato Alberto Bianchi, ex presidente della Open, indagato per traffico di influenze illecite.

Tra i documenti che gli furono sequestrati, ci sarebbero i bilanci della Open e la lista dei finanziatori della fondazione. ansa

Gdf cerca carte credito parlamentari
Oltre ai documenti, le Fiamme Gialle starebbero anche cercando carte di credito e bancomat che sarebbero stati messi a disposizione di parlamentari. In particolare i finanzieri sarebbero incaricati dalla procura di trovare documenti – tipo ricevute – relativi a presunti rimborsi spese versati dalla Open ad alcuni parlamentari.

Attiva dal 2012 al 2018, la Fondazione ha sostenuto anche la convention della Leopolda. L’avvocato Bianchi, che era presidente della Fondazione, risulta indagato per traffico di influenze illecite tra il 2016 e il 2018. La procura procede anche per reati in violazione della legge sul finanziamento dei partiti politici.

Inchiesta su fondazione renziana Open, perquisizioni a Firenze

Sono in corso da parte di militari della Guardia di Finanza perquisizioni a Firenze, a quanto apprende l’Adnkronos, legate a un’indagine della procura sulla Fondazione Open, di cui era presidente l’avvocato Alberto Bianchi. La Fondazione Open, attiva dal 2012 al 2018, era nata per sostenere le iniziative politiche di Matteo Renzi, tra le quali la…

Fondazione vicina a Renzi, nel mirino anche fondi per il sì al referendum 2016

Si allarga lo spettro dell’inchiesta sull’avvocato Alberto Bianchi. Il sospetto è che possa essere stato usato anche per finanziare il comitato per il si’ al referendum costituzionale del 2016, oltre che la Fondazione Open, parte del denaro ricevuto come compenso per un incarico professionale dell’avvocato, indagato per traffico di influenze dalla procura di Firenze. Ancora…

Bianchi indagato, incassò un mln di euro e ne versò 700mila alla fondazione vicina a Renzi

Una consulenza da oltre un milione di euro ha attirato l’attenzione dei pm della procura di Firenze che indagano su Alberto Bianchi, l’ex presidente della cassaforte del renzismo, la Fondazione Open, accusato di traffico di influenze. Come scrive Il Fatto Quotidiano, l’incarico è stato affidato al legale nel 2016 dalla Toto Costruzioni Generali, azienda che…

Traffico d’influenze: indagato ex presidente Open, finanziatore della Leopolda

Traffico di influenze. E’ questa l’ipotesi di reato per la quale risulta indagato a Firenze l’avvocato Alberto Bianchi, ex presidente di Open, la fondazione-cassaforte per le iniziative di Matteo Renzi, tra cui la Leopolda. Lo studio di Bianchi a Firenze, da quanto si è appreso, è stato anche perquisito ieri alla presenza del procuratore aggiunto…

“Banca Etruria ha finanziato la fondazione di Renzi”

“Banca Etruria ha finanziato la Fondazione Open che sostiene Matteo Renzi e che, fra le altre cose, organizza ogni anno la convention della Leopolda”.   L’accusa arriva da Giovanni Donzelli, capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale della Toscana, secondo il quale il finanziamento di 15mila euro sarebbe arrivato tramite la società ‘Intesa Aretina Scarl’,…

Condividi