Mattarella: “scorta a Segre segno che odio e intolleranza sono concreti”

La scorta a Liliana Segre è il segno che l’odio e l’intolleranza sono pericoli concreti, non espedienti retorici. Sergio Mattarella si schiera nuovamente a fianco della senatrice a vita, cui è stata assegnata una scorta per colpa delle minacce subìte, e afferma che “se è necessario a una signora anziana che non ha mai fatto male alcuno ma che il male lo ha subito da bambina in modo crudele come Liliana Segre di avere una scorta vuol dire che questi interrogativi dei bambini, che chiedono solidarietà invece di odio, non sono astratti o retorici ma molto concreti”.  AGI

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Hanno sovvertito pure la logica.
Una volta si assegnava la scorta “nella misura in cui” una persona era in pericolo.
Oggi si valuta il pericolo “nella misura in cui” ad una persona viene assegnata la scorta.

vaccini brodaglia censura
Kommissione Segre, nessuno si illuda: ogni libertà di parola sarà distrutta

Di Silvana De Mari – Abbiamo già leggi ottime per reprimere l’aggressione verbale. Il Senato ha approvato pochi giorni fa una mozione per istituire una commissione che vigili sui fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza nei confronti di persone o gruppi sociali sulla base dell’etnia, della religione, la provenienza, l’orientamento…

Strano che chi ha subito il nazismo aiuti chi vuole imporre la censura con metodi tirannici

Appare evidente che la comissione non sia per nulla una commissione parlamentare contro il razzismo , ma che si voglia mettere un bavaglio ai social

Segre: dei 200 messaggi di odio non sapevo niente, l’ho appreso dai giornali

Liliana Segre: “La commissione contro l’odio​​​​​​rafforza la nostra democrazia”. «Prima di tutto la commissione è stata approvata ma ancora non c’è. E vi faranno parte tutti quelli che vogliono, di ogni partito. Si potrà discutere volta per volta di queste cose. Ieri l’ho spiegato: sono stata prestata in tarda età alla politica e ho fatto…

Bechis: “La mozione di Liliana Segre è una trappola politica”

Parla di “malafede” e di “ideologia politica” Franco Bechis in riferimento al linciaggio collettivo subìto dal centrodestra per essersi astenuto in aula al Senato sulla mozione di Liliana Segre per istituire una commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza. Il direttore nel suo editoriale su…

Commissione Segre-Boldrini, una furbata ambigua e subdola

Ecco il vero succo di tutta la questione: il maledetto web, i vituperati social! Quel luogo immondo dove ognuno può esprimere la propria opinione

Condividi