L’imam di Viganello coinvolto in attività di terrorismo?

C’è il possibile coinvolgimento in attività di terrorismo islamico all’origine del ‘no’ pronunciato dal Segreteria di Stato delle migrazione (Sem) in merito alla domanda di cittadinanza svizzera da parte dell’imam di Viganello. Secondo quanto riportato lo scorso 31 ottobre dal quotidiano italiano ‘Libero’ e nell’edizione odierna del Mattino, il 14 settembre 2018 la Sem avrebbe infatti risposto picche alla richiesta dell’imam in quanto “sono emersi indizi concreti che dimostrano un presumibile coinvolgimento nell’ambito del terrorismo islamico“.

La vicenda è riportata dal sito del Ticino laregione.ch Nello specifico – si legge sulle colonne del domenicale, entrato in possesso della decisione scritta della Sem – “risulta che alcuni membri della Lega dei musulmani in Ticino, così come alcuni visitatori della moschea di Viganello, si sarebbero radicalizzati divenendo componenti della Jihad“. Le Sem ritiene inoltre che l’imam di Viganello costituisca “una compromissione duratura della sicurezza del Paese, in particolare a fronte della sua funzione di guida spirituale”, e che “intrattenga relazioni, sia in Svizzera che all’estero, con persone in fase di radicalizzazione, già radicalizzate o che sono diventate combattenti della Jihad“.

Ricevuta la risposta negativa, secondo ‘Libero’ l’imam avrebbe quindi sporto una denuncia penale presso il Ministero pubblico della Confederazione nei confronti di ignoti funzionari della Sem e del Servizio delle attività informative della Confederazione per diffamazione, calunnia, ingiuria ed abuso di autorità. Una denuncia, scrive ancora ‘Libero’, rispedita tuttavia al mittente. Jelassi ha quindi impugnato la decisione presso la Corte dei reclami penali, che ha confermato la decisione di non luogo a procedere.

Scatta l’interrogazione al Municipio 

Una situazione che ha subito fatto scattare un’interrogazione al Municipio di Lugano. Di seguito le domande formulate dal consigliere comunale per la Lega Rodolfo Pulino, in cui chiede maggiori lumi sulla domanda di naturalizzazione dell’imam e sui finanziamenti ricevuti dalla moschea.

  • “Che iter procedurale ha seguito la domanda di naturalizzazione del suddetto Imam?  A che punto è attualmente la domanda a livello comunale? Come si comporterà l’amministrazione pubblica rispetto a tale fattispecie?”
  • “Il municipio era informato in merito al rifiuto della Segreteria di Stato della migrazione di concedergli la cittadinanza? In caso affermativo la commissione delle Petizioni è stata informata relativamente a tale domanda di naturalizzazione? In caso contario come mai non è stato fatto?”
  • “Di quale tipo di permesso beneficia attualmemente l’Imam di Viganello per risiedere nel nostro Cantone?”
  •  “Ci sono luoghi di culto e/o Imam sul territorio di Lugano di fede islamica vicine a correnti radicali o fondamentaliste dell’Islam? Vengono monitorati?”
  • “Quali sono i controlli effettuati dall’autorità comunale rispetto a questi luoghi di culto – che a quanto riporta il Ministero pubblico della Confederazione – sarebbero luoghi legati al terrorismo?”
  • “Visti i sospetti in merito ai finanziamenti illeciti non ritiene il municipio di dover intervenire? Se si in che modo?”

Condividi