Trasferivano clandestini in Germania, due stranieri arrestati

Milano – Erano i referenti per i viaggi clandestini da Milano alla Germania, e in circa tre anni erano riusciti a far passare le frontiere ad almeno un centinaio di eritrei: per questo sono stati arrestati su mandato di cattura europeo un egiziano di 46 anni e un eritreo di 45. Per loro le accuse sono di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e tratta di esseri umani. Entrambi avevano come copertura delle attivita’ lecite, che hanno consentito loro di gestire il traffico senza rientrare nella lente degli investigatori: l’eritreo, Danielo Nugusse, era il gestore del ‘caffe’ Asmara’, in via Lazzaro Palazzi, zona contigua a corso Buenos Aires, da decenni ‘quadrilatero’ di riferimento per gli immigrati dal Corno d’Africa; l’altro, Eldin Alaa Wahba, egiziano, aveva invece un’agenzia di viaggi in via Fa’a di Bruno e un ruolo piu’ operativo nell’organizzazione.

L’indagine nei loro confronti e’ partita dalla polizia di Monaco di Baviera e dalla procura della citta’ tedesca, che ha quindi collaborato con la squadra Mobile di Milano e con il pm di Milano, Paolo Storari; il sospetto e’ iniziato quando gli agenti tedeschi hanno rilevato centinaia di migranti con documenti falsi che erano entrati in Germania partendo da Malpensa o dalle stazioni bus e treni milanesi.

E’ verosimile, in base all’indagine internazionale, che ha visto l’esecuzione ieri a Milano, che i due avessero rapporti con un’organizzazione piu’ ampia di trafficanti di esseri umani e che si fossero occupati anche di ‘traghettare’ intere famiglie e minori. Il loro compito era quello di intercettare i migranti che arrivavano nel capoluogo lombardo e organizzare la loro permanenza in appartamenti, per un massimo di due giorni; i migranti venivano poi accompagnati verso le stazioni dei treni o a Lampugnano, dove prendevano autobus a lunga percorrenza. Cinquecento euro a persona il costo del servizio,per un giro d’affari da centinaia di migliaia di euro. L’eritreo e’ stato arrestato mentre era a casa sua in viale Molise, anche tramite l’uso di pedinamenti e intercettazioni. Dai sequestri di cellulari e computer potranno emergere informazioni sulla rete di cui entrambi facevano parte. (AGI) Mia/Ven 251422 OTT 19 NNNN

Condividi

 

Articoli recenti