Malato terminale muore in carcere tra dolori atroci

MILANO, 30 LUG – Cinque giorni fa ha chiesto alla Corte d’Appello di Milano “che con un ultimo gesto di umanità e clemenza gli fosse concesso di morire da uomo libero” e quindi di revocargli la misura cautelare che lo aveva portato in carcere per rapina nell’aprile dell’anno scorso. Ma ieri, quando è arrivato il parere favorevole della Procura Generale per la sostituzione del provvedimento con l’obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria, era ormai troppo tardi.

L’uomo, con un tumore ai polmoni allo stadio finale e che si era esteso anche alle ossa, è morto dopo atroci dolori in un letto di rianimazione dell’ospedale San Paolo ancora da detenuto.

A denunciare la vicenda di Giorgio C., in una lettera inviata tra gli altri al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, e al capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini, è stato il suo avvocato, Francesca Brocchi. Nella missiva, chiede “di approfondire se vi siano state violazioni dei suoi diritti di detenuto e di malato”. (ANSA)

Clandestino e stupratore seriale. Era stato liberato dopo un giorno

Lo avevano già arrestato il 3 aprile del 2014. L’accusa era l’aggessione ad una donna nel parcheggio di un supermercato. Due anni dopo tribunale lo aveva condannato a un anno e due mesi di carcere per violenza sessuale, ma la pena era stata sospesa perché incensurato. A Moustapha Diop, però, avevano revocato il permesso di…

Pugno in faccia, benzinaio in coma. Rom subito rilasciato

Il gestore dell’Ip di Cologna Spiaggia, frazione sul mare di Roseto degli Abruzzi (provincia di Teramo) è stato colpito da un pugno in faccia, è caduto e ha battuto con violenze la testa. È in coma. L’aggressore, G.D.G un 38enne di origine rom, dopo aver confessato davanti al pm, è stato rilasciato. Come scrive il…

Tentò di dar fuoco alla figlia, marocchino scarcerato

E’ stato scarcerato e si trova ora agli arresti domiciliari il marocchino 50enne di Arcade accusato di aver tentato di dare fuoco alla figlia, colpevole secondo lui di essere troppo occidentale, cospargendola con una tanica di carburante prima di tentare di appiccare le fiamme con un accendino. Il gip di Treviso Bruno Casciarri ha accolto…

Cellula al Qaeda a Olbia: condannati a 10 anni, scarcerati dopo due mesi

SASSARI, 17 GIU – Sultan Khan e suo cugino Imitias Khan, due dei pakistani imputati e poi assolti dall’accusa di far parte di una cellula di Al Qaeda con base a Olbia, che aveva partecipato all’organizzazione di attentati nel Paese asiatico, sono stati scarcerati oggi su disposizione del Tribunale del Riesame di Sassari, che ha…

Condividi