Milano: nessuno dei migranti arrivati tra 2014 e 2017 fuggiva dalla guerra

Paolo Grimoldi, deputato della Lega e vice presidente della commissione Esteri della Camera dei Deputati, precisa in una nota: “Se a Milano, soprattutto nella zona della stazione Centrale, bivaccano centinaia di immigrati clandestini in giacigli improvvisati, su panchine o nei sottopassi, la responsabilità è solo delle pessime amministrazioni comunali targate sinistra e PD, con perfetta continuità tra Pisapia e Sala, una continuità rappresenta dall’assessore ‘all’immigrazione e accoglienza senza se e ma’ Pierfrancesco Majorino.”

“Quanti ne hanno voluti far arrivare tra il 2014 e il 2017? Oltre 10mila, forse anche oltre 15mila e i risultati sono sotto gli occhi di tutti in termini di degrado e insicurezza.”

“E nessuno di questi – sottolinea Grimoldi – scappava dalla guerra, nessun siriano o iracheno, tutti nigeriani, gambiani, senegalesi, ivoriani o guineani. Majorino non scarichi le proprie responsabilità su chi ora sta cercando di risolvere i problemi causati dalle sue giunte di sinistra che, tra l’altro, hanno anche regalato a Milano il poco invidiabile primato di capitale italiana del crimine, la città dove, nell’anno 2017, sono stati denunciati 7,2 reati ogni 100 abitanti”.

Condividi