Libia: raid su campo migranti, 40 morti

Almeno 40 persone sono morte e 80 rimaste ferite in un raid aereo che ha colpito un centro di detenzione per migranti illegali a Tagiura, vicino Tripoli.

In un comunicato, il governo appoggiato da Onu e Stati Uniti accusa del bombardamento il sedicente Esercito nazionale libico guidato dal generale Khalifa Haftar. ansa

Ce lo aspettavamo da un momento all’altro. Per raggiungere i loro scopi sono capaci di tutto.

Libia, Moavero: piu’ impegno su corridoi umanitari per i “rifugiati”

“La situazione in Libia è di estrema difficoltà, probabilmente l’azione necessita di una pazienza notevole, ma sopratutto di una collaborazione internazionale più vasta. Occorre in particolare un impegno molto più attivo e visibile dell’Unione europea”: lo ha detto il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi alle Commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato. Parlando…

Libia, Del Re (M5s): corridoi umanitari per 5000 migranti

Per la situazione critica dei circa 5.000 migranti presenti nei centri detentivi in Libia, alcuni dei quali ubicati in prossimità dei luoghi di conflitto, servono corridoi umanitari, “in un’ottica di collaborazione e solidarietà europea”. E’ quanto sostiene la Vice Ministra Emanuela Del Re (M5s) che ieri alla Farnesina ha presieduto la terza riunione annuale del…

Bergoglio: evacuare i ”profughi” dalla Libia con corridoi umanitari

CITTA’ DEL VATICANO, 28 APR – “Vi invito ad unirvi alla mia preghiera per i profughi che si trovano nei centri di detenzione (???) in Libia, la cui situazione, già molto grave, è resa ancora più pericolosa dal conflitto in corso. Faccio appello perché specialmente le donne, i bambini e i malati possano essere al…

Mogherini: lavoriamo per far uscire i “migranti” dalla Libia

STRASBURGO, 16 APR – “Non soltanto i libici sono in condizione di sofferenza ma anche i migranti, i rifugiati nei centri detenzione (???) sono a rischio. Stiamo lavorando con Oim e Unhrc per evacuarli e farli uscire dalla Libia e portarli in posti più sicuri anche regioni più sicure nel resto del Paese. Così l’Alto…

Condividi