Sea Watch, Procura: ‘far sbarcare i minorenni’. Hanno 17 anni e mezzo

La procura la Procura per i minorenni di Catania chiede che possano sbarcare dalla nave Sea Watch i minori non accompagnati. Dal ministero replicano che in realtà si tratta di ragazzi di 17 anni e mezzo e conferma il no. La Commissione europea segue il caso: “la sicurezza delle persone a bordo è la prima preoccupazione”, spiega un portavoce.

“Sono esausti, disperati. Ora vedono terra, sono davanti a Siracusa e non capiscono perché devono restare a bordo senza poter scendere”. Questo il resoconto del medico di bordo sulla Sea Watch, l’imbarcazione della ong che da una settimana ha a bordo 47 migranti soccorsi al largo della Libia. “Hanno bisogno urgente di protezione – afferma -. Le condizioni a bordo sono molto complicate”. “”Per tre giorni abbiamo affrontato tempeste, vento forte e molta pioggia “.

Intanto con una lettera al Comandante generale della Guardia Costiera e, per conoscenza, al Dipartimento libertà civili e immigrazione del ministero dell’Interno l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza Filomena Albano ha chiesto con urgenza informazioni ufficiali sul numero delle persone di minore età eventualmente a bordo della “Sea Watch 3“, che risulta ancorata nella baia antistante Siracusa. La nota richiama il principio che, per legge, “i minorenni non possono essere respinti e devono essere adeguatamente accolti”. ansa

 

Giordano: ”ecco il percorso della Sea Watch, non c’è un filo di vento”

Condividi