Due per mille: 7 milioni di euro al Pd, 3 alla Lega

Sette milioni di euro al Pd, tre alla Lega (sommando le voci di quella “per l’Indipendenza della Padania” e quella “per Salvini”), 720mila a Fratelli d’Italia, 640mila a Forza Italia. La galassia dei partiti a sinistra del Partito Democratico ottiene complessivamente quasi 1milione e 400mila euro, mentre Il Movimento Cinque Stelle, invece, rinuncia alla quota del 2 per mille non partecipando all’assegnazione delle risorse che vengono decise dai cittadini nella loro annuale dichiarazione dei redditi.

Questa è, in estrema sintesi, la fotografia dei dati del Ministero dell’economia, rilasciati sulla base delle dichiarazioni degli italiani nel 2017. Il Pd regge il confronto con gli altri partiti maggiori anche guardando ai risultati elettorali delle scorse politiche: l’8% dei suoi elettori ha infatti deciso di indicare il principale gruppo di centrosinistra come beneficiario della quota di Irpef, raccogliendo in media 1,14€ per elettore.   (www.infodata.ilsole24ore.com)

Guardando invece nel dettaglio delle diverse regioni, sono quelle del centro nord le più generose verso la politica. Per il Pd è l’Emilia Romagna la regione top (ben 1.500 contribuenti ogni 100mila abitanti), sebbene il numero di scelte complessive sia calato del 16% sull’anno precedente. Andamento parallelo per la seconda, la Toscana dell’ex presidente del consiglio Matteo Renzi.

Condividi