Il fratello di Battisti: “Se parlasse farebbe crollare la politica”

“Per me Cesare non ha ammazzato nessuno. Non è colpevole, bensì una vittima. I processi furono in contumacia. E’ stato condannato contumace”. Lo dice Vincenzo Battisti, il fratello maggiore del terrorista arrestato in Bolivia ed estradato in Italia. “Se mio fratello parlasse, farebbe crollare la politica. Non hanno mai voluto che parlasse perché sono tutti compromessi“, aggiunge.

“Mio fratello – ribadisce intervistato da Il Messaggero – è stato tirato in ballo in contumacia dai pentiti. Mi ha giurato che non ha mai ammazzato nessuno, non si è mai potuto difendere, ma tutti hanno scaricato su di lui per salvarsi”. L’arresto? E’ un’ingiustizia, lo stanno accusando di quello che non ha commesso”.  tgcom24.mediaset.it

Condividi