Battisti: “In che parte del mondo mi trovo? Sono malato, sono cambiato”

Cesare Battisti rompe il silenzio dopo il suo ingresso in carcere nel penitenziario Soro di Oristano. L’ex terrorista dei Pac avrebbe incontrato nella casa circondariale il direttore dell’istituto penitenziario e alcuni agenti della polizia penitenziaria.Mi dite in quale parte del mondo mi trovo? Ormai è tutto finito, ho 64 anni, sono malato, sono cambiato“, avrebbe detto Battisti. L’ex militante dei Proletari armati per il Comunismo ha ricevuto la prima visita in carcere in questo lungo percorso che lo porterà a scontare l’ergastolo: tra le mura del penitenziario, Battisti ha incontrato il suo avvocato.

Poi avrebbe detto, secondo quanto riporta l’ex parlamentare Mauro Pili: “Non mi dichiaro innocente ma nemmeno mi accollo tutto ciò di cui mi accusano”.

Chi ha visto Battisti parla di un uomo “stanco” e rassegnato alla resa. Ma di certo i suoi movimenti in Bolivia e quella richiesta di asilo contrastano con un atteggiamento remissivo. Il terrorista adesso dovrà saldare il conto con la giustizia italiana. Dopo 37 anni di latitanza.  www.ilgiornale.it

Condividi