Unione Africana: Paesi UE hanno istigato i nostri giovani a emigrare

Condividi

 

A margine dell’incontro con il cancelliere austriaco, Sebastian Kurz, che era in visita ufficiale in Rwanda, il presidente Paul Kagame, presidente anche dell’Unione Africana, ha parlato della cooperazione Europa-Africa, con particolare riferimento al problema migratorio. Come riferisce The New Times, dopo aver ricordato i molti africani che hanno perso la vita nei loro viaggi e dei molti ancora bloccati ai punti di confine, Kagame si è posto il problema di come il fenomeno migratorio “possa essere gestito correttamente anche se  avremmo dovuto farlo molto tempo fa, ma non è mai troppo tardi per fare la cosa giusta”.
Ha detto che l’immigrazione è aumentata perché alcuni africani sentono che il loro continente non ha le condizioni di base per vivere una vita dignitosa. Per questo, “la partnership tra Europa e Africa dovrebbe mirare a creare un ambiente per mantenere i nostri giovani e garantire loro che stare nel proprio continente o paese è meglio per loro potendo trovare sicurezza e lavoro“.
Purtroppo, secondo Kagame, andando all’origine del fenomeno, la crisi dell’immigrazione è peggiorata, in parte, da quando a causa dell’invito e dell’istigazione, prima della crisi, di una parte di alcuni Paesi europei agli immigrati africani ad andare in Europa, promettendo loro una vita migliore. “Se si guarda alla storia di questa migrazione, da molto tempo, l’Europa incita o invita le persone ad andare in Europa. Il messaggio era “i tuoi paesi africani sono governati male e tu dovresti venire da noi“. L’impressione è stata che “se hai un problema nel tuo paese, sia esso falso o vero, vieni nel nostro paradiso. E la gente è venuta. Al punto che le persone non possono più avere immigranti”, ha detto il presidente.
Nel tempo, ha detto, l’Europa è stata travolta dall’ondata di immigrati. Andando avanti, ha aggiunto, i due continenti dovrebbero concentrarsi sulle opportunità disponibili per ridurre la necessità per gli africani di cercare opportunità altrove. Creando le opportunità ed eliminando la necessità dell’immigrazione, ha spiegato, le due parti spenderanno meno fondi: “Il tipo di investimento effettuato per gli immigrati è così grande che se investito in Africa, potremmo creare industrie. Il problema non è l’Europa, abbiamo la nostra giusta parte della colpa che dobbiamo assumere “, ha concluso Kagame.
alberwandesi.blogspot.com



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -