Almaviva chiude sede di Roma: partite 1666 lettere di licenziamento

 

Chiude la sede romana di Almaviva e partono le lettere di licenziamento per 1.666 lavoratori del call center. Dopo il rifiuto delle Rsu all’ipotesi di accordo è fallito anche l’ultimo tentativo di mediazione del ministero dello Sviluppo economico.

Il viceministro Teresa Bellanova ha spiegato che “purtroppo l’azienda ha avanzato difficoltà anche dal punto di vista della tenuta della procedura e, quindi, ha ribadito il mantenimento dell’accordo dei lavoratori di Napoli e il mancato accordo con Roma”. La sede di Roma è inattiva dallo scorso 22 dicembre. askanews

Condividi