Alfano: “Chiusa l’esperienza Monti”

7 dic – ”Consideriamo conclusa l’esperienza del governo Monti”. Lo ha detto il segretario del Pdl, Angelino Alfano intervenendo alla Camera durante il voto al dl enti locali e dopo un incontro di quasi due ore al Quirinale con il presidente Napolitano.

Dopo lo strappo del Pdl, con la decisione di non sostenere più il governo Monti, oggi è una giornata di colloqui al Colle. Nel pomeriggio sono attesi al Quirinale per un incontro con il presidente della Repubblica anche il segretario del Pd Pier Luigi Bersani e il leader Udc Pier Ferdinando Casini, per fare il punto sulla situazione politica creatasi nella maggioranza che sostiene il governo.

Proprio Bersani e Casini hanno duramente criticato la scelta del Pdl. “Qui muore la speranza che il centrodestra possa dare un contributo al cambiamento e all’innovazione” ha detto Pier Luigi Bersani, parlando alla Camera dei deputati. “Questa e’ la notizia, e di fronte a questa speranza noi ci prendiamo l’impegno di continuare a costruire una politica nuova, che rivendica il suo ruolo ma che conosce il suo limite”, ha aggiunto il leader del Pd.

Anche Casini rimprovera al Pdl di aver tolto il sostegno a Monti “solo per calcolo elettorale o per motivi connessi al provvedimento che questo governo sta varando” e che sforbicia i costi della politica. Chi si oppone alle misure, accusa, “lavora al mantenimento dello status quo”, mentre “l’unica arma all’antipolitica e’ la buona amministrazione”.

Alfano dal canto suo ha spiegato in Aula le ragioni dell’astensione del suo partito sottolineando che il Pdl non ha fatto cadere il governo per non far precipitare il paese nell’esercizio provvisorio. ”Consideriamo conclusa esperienza del governo Monti, ma non vogliamo mandare le istituzioni allo scatafascio. Non siamo irresponsabili, semplicemente non crediamo che responsabilita’ coincida con cecita”’.

Quindi ha replicato a Bersani: ”Siamo convinti che la nostra forza e’ e restera’ ancora maggioranza in questa paese”. ‘Noi non faremo riscrivere da voi la nostra storia. Non lo consentiremo, anche perche’ quando scrivete la storia, amate usare il bianchetto per le cose che non vi convengono”. ”Non ci faremo attaccare addosso la lettera scarlatta dell’irresponsabilita’”.

Quanto al governo Monti, il Pdl esprime rispetto al premier per la sua ”correttezza”, ma ”le cose vanno peggio e abbiamo il diritto di dirlo agli italiani. Le cose vanno peggio perche’ la disoccupazione e’ cresciuta, le tasse sono aumentae, l’inflazione e’ cresciuta. Gli errori piu’ forti li ha fatti il Pd: mi riferisco alla riforma del lavoro”. adnk

Condividi