Profumo indagato da Procura di Milano per frode fiscale

La Procura di Milano ha iscritto nel registro degli indagati Alessandro Profumo, ex amministratore delegato di Unicredit. L’accusa è quella di frode fiscale che sarebbe avvenuta nel 2007 e 2008 attraverso una complessa operazione con Barclays. Il Tribunale di Milano ha sequestrato oggi 245 milioni di euro a Unicredit, che sarebbero appunto il profitto della frode fiscale contestata, commessa attraverso l’operazione di finanza strutturata e transnazionale ‘Brontos’ e che ha permesso di aggirare il fisco.

La tesi della Procura si basa sugli esiti della perquisizione effettuata il 12 giugno 2009 nei server informatici del gruppo di piazza Cordusio dalla Guardia di Finanza. Nell’inchiesta sono indagati una ventina di persone tra manager e funzionari di Unicredit e tre dipendenti della inglese Barclays.

Condividi