Silvia Romano ambasciatrice di un progetto UE contro l’islamofobia

Silvia Romano, la cooperante rapita in Kenya e tenuta prigioniera in Somalia per un anno e mezzo, prenderà parte a un progetto europeo volto a contrastare l’islamofobia. Lo riporta il quotidiano La Repubblica. YES – Youth Empowerment Support for muslim communities è il nome dell’iniziativa a cui la 24enne milanese lavorerà nei prossimi mesi.

Il progetto, co-finanziato dalla Commissione Europea e realizzato dalle associazioni Fondazione L’Albero della Vita, Le réseau e Progetto Aisha, punta a coinvolgere alcuni giovani rappresentanti della comunità islamica “che saranno impegnati in attività di supporto alle vittime di islamofobia”, si legge sulla pagina Facebook di una delle associazioni. Tra gli otto giovani lombardi selezionati, con i ruolo di ‘master equity defender’, anche Silvia Romano. Gli otto ragazzi raccoglieranno segnalazioni di casi di islamofobia e denunce, fornendo anche supporto psicologico ed eventualmente legale alle vittime tg24.sky.it

Condividi

 

One thought on “Silvia Romano ambasciatrice di un progetto UE contro l’islamofobia

  1. Certo, se difendi la poligamia e la prigione per gli omosessuali, apostati e blasematori, ti dano un posto di lavoro.

    Per gli ex musulmani, invece, non c’è nessun aiuto ufficiale.

    Il velo è diventato la bandiera di guerra per quelli che odiano la libertà di religione e di coscienza.

Comments are closed.