Covid, Lazio accusa la movida in Sardegna “bomba virale”

“Il mancato rispetto delle regole nei locali della movida in Sardegna rischia di far esplodere una bomba virale”. Così Alessio D’Amato, l’assessore alla sanità del Lazio che teme un considerevole aumento dei casi. “È in corso una grande azione di tracciamento”, ma intanto nella regione si registra un importante aumento dei contagi: sono 115 quelli riscontrati nelle ultime 24 ore, rispetto ai 75 di ieri. E l’impressione è che il numero sia destinato ad aumentare ancora, visto l’incremento negli ultimi giorni di positivi rientrati dalle vacanze e in particolare dalla Sardegna.

Con quest’ultima che da Covid-free è passata ad essere a rischio lockdown: il ministero della Salute sta pensando di isolare la regione perché sta diffondendo il contagio in mezza Italia. E soprattutto nel Lazio, dove l’allarme è alto: “Voglio però assicurare che abbiamo in atto un sistema di controllo e monitoraggio in grado di rispondere con tempestività – ha dichiarato l’assessore D’Amato – solo negli ultimi tre giorni sono stati effettuati oltre 7.700 test nei drive-in, un lavoro straordinario e ringrazio i nostri operatori che stanno agendo con grande professionalità. Se si fossero rispettare le regole minime – ha chiosato – non si sarebbe creata questa situazione”. liberoquotidiano.it

Condividi