Lukashenko: UE e Usa pensino alle violenze in casa loro

MOSCA, 19 AGO – Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha esortato i leader degli Stati occidentali a concentrarsi sui problemi nei loro Paesi. Lo ha detto alla riunione del Consiglio di sicurezza a cui hanno partecipato i capi regionali. “I leader dei Paesi occidentali ci offrono colloqui e trattative. E allo stesso tempo continuano a spingere i loro interessi. Anche noi lo vediamo e lo capiamo, ma non lo percepiamo. Voglio che mi sentano bene, dato che terranno una riunione a livello di ministri degli Esteri o di leader dell’Unione Europea oggi o domani”, ha detto Lukashenko.

“Vorrei consigliarli: prima di puntare il dito contro di noi, dovrebbero mettere all’ordine del giorno delle loro riunioni le questioni dei ‘gilet gialli’ in Francia e dei terribili disordini negli Stati Uniti. Voglio che considerino innanzitutto le proteste contro i lockdown per il coronavirus in Germania e in altri Paesi europei”. (ANSA).

Proteste contro l’isolamento, violenza della polizia in Germania

Gilet gialli, 2000 persone mutilate dai poliziotti di Macron

Condividi