Senegalesi tentano di impedire arresto di connazionale, agenti feriti

TORINO. Arresto movimentato, domenica 16 agosto, in Barriera di Milano: in via Sesia all’angolo con corso Palermo una volante della polizia è stata circondata da un gruppo di senegalesi intervenuti per liberare dalle manette un connazionale di 24 anni. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è stato sorpreso dai poliziotti mentre cercava di vendere alcune dosi di stupefacente a due ragazze a bordo di un’auto che si trovava proprio in quell’incrocio.

Quando gli agenti del commissariato di zona si sono avvicinati, il pusher si è rifiutato di fornire i documenti e ha preso a calci la vettura di servizio. Nel parapiglia sono rimasti feriti due poliziotti che hanno riportato contusioni giudicate guaribili in una settimana. L’uomo, irregolare sul territorio nazionale e arrestato ad aprile e a luglio per reati contro il patrimonio e la persona, mentre veniva trasportato in Questura, ha lanciato invettive contro l’Italia e la Polizia di Stato.

Per questo, oltre all’accusa di resistenza, lesioni e danneggiamento aggravato, gli agenti hanno proceduto nei suoi confronti con l’insolita accusa di vilipendio alla Repubblica Italiana e offesa all’onore e al prestigio di un pubblico ufficiale.  www.lastampa.it

Condividi