Nomine Rai, Pd e e M5S trovano l’accordo

Condividi

 

Mario Orfeo alla fine ce l’ha fatta. L’ex dg della Rai ed ex direttore del Tg1 e del Tg2, è diventato anche direttore del Tg3. La sua nomina, e non solo la sua, sarà approvata nel Cda di domani di Viale Mazzini. Ad otto mesi dal cambio di maggioranza di governo (da gialloverde a giallorossa) Pd e M5S hanno trovato l’accordo per le nuove poltrone Rai. Ed era proprio Orfeo il nome (non gradito dai grillini) su cui la nuova maggioranza governativa non trovava l’accordo. Superato l’impasse e trovata l’intesa sono andate a segno anche altre caselle importanti: come quella che vede Franco Di Mare, in quota 5S, alla direzione di Rai3, da cui dovrà sloggiare Silvia Calandrelli.

Giuseppina Paterniti, anche lei in quota grillini, dalla guida del Tg3 passa alla direzione dell’Offerta Informativa Rai (ruolo ricoperto prima da Carlo Verdelli) per coordinare e sovrintendere all’informazione nelle reti e nei tg.



Al Gr, al posto di Luca Mazzà, approda l’attuale vicedirettrice del Tg1 Simona Sala, ex quirinalista, gradita sia ai 5s sia al Pd, ma soprattutto donna. La sua scelta bilancia così la presenza femminile poco presente in queste nuove nomine. Infine alla presidenza di RaiCom arriva l’ex direttrice di Rai Uno Teresa De Santis, in causa contro la Rai per demansionamento dopo essere stata defenestrata dalla guida della rete ammiraglia.  liberoquotidiano.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -