Coronavirus, muore a 58 anni: supplicava per il tampone dal 13 marzo

Non ce l’ha fatta Palmiro Parisi, quinta vittima del coronavirus in Basilicata. Il suo nome era diventato familiare ai lucani per la piccola battaglia che la sua famiglia aveva condotto sui social e sui giornali locali. L’uomo, 58 anni, è diventato suo malgrado il simbolo dei ritardi della sanità e di quei tamponi che vengono fatti quando ormai è troppo tardi. Palmiro, rappresentante di bevande di Potenza, ha dovuto aspettare giorni prima di sottoporsi al test, nonostante chiari sintomi e ripetute chiamate al 118.

La sua storia – scrive IL MATTINO –  simile a quella di tanti altri che non hanno accessi privilegiati ai tamponi, è stata raccontata dalla figlia su Facebook e poi è stata ripresa dai giornali. E proprio grazie a questa mobilitazione è scattato il tampone con il successivo ricovero all’ospedale San Carlo di Potenza. I timori erano più che fondati: Palmiro aveva contratto il Covid-19.

L’uomo aveva la febbre e sintomi compatibili con il coronavirus già dal 13 marzo, ma la figlia Maria ha raccontato di essere riuscita a farlo ricoverare solo il 23 marzo scorso. E purtroppo nel reparto di terapia intensiva. A nulla erano valse le chiamate alla Guardia medica a al numero verde regionale. «Dalla voce sta bene e non serve fare il tampone perché non presenta sintomi gravi», sarebbe stata la risposta. E ancora: «Non possiamo mandare un’ambulanza e fare un tampone a tutti quelli che ci dicono di avere la febbre…»

Coronavirus, muore autista 118. Ha aspettato il tampone per 6 giorni

Enzo è morto lasciando una moglie e un figlio piccolo. Si tratta dell’ennesima tragedia dovuta al coronavirus: Enzo Lucarelli era infatti un autista del 118 di Pozzuoli, che in queste settimane ha continuato a svolgere il proprio lavoro. A salutarlo è la pagina Facebook Nessuno tocchi Ippocrate, la quale evidenzia come il personale in prima…

Coronavirus, sto male da 15 giorni ma non mi fanno il tampone

di Silvia Mancinelli (adnkronos) -“Siamo fermi in quarantena a Civitavecchia da cinque giorni. Stiamo sbarcando i passeggeri, ai quali se asintomatici si misura semplicemente la temperatura. Io sono bloccato qui, vorrei scendere e andarmene a casa perché vivo a un’ora dal porto, sto male, da 15 giorni sotto antibiotici e cortisone, ho i sintomi del…

Rifiutano il tampone a chi ha sintomi, “forse è per questo che tanti muoiono”

“Ho rischiato di finire in rianimazione e non ci potevo credere dopo tanti giorni passati con la febbre a chiedere invano un tampone”. È la storia di un 60enne, intervistato da Repubblica direttamente dal reparto di terapia semi-intensiva dell’ospedale Umberto I di Roma. L’uomo ha raccontato i dieci giorni da paura passati da solo in…

Il primario denuncia: “Tamponi a calciatori e politici, non ai medici”

“Le pagine delle cronache riportano le buone condizioni di calciatori, attori e politici che esattamente come la mia collaboratrice hanno avuto ‘contatto con persone positive e sintomi da virosi’ ma cui, a differenza della dottoressa, è stato eseguito il tampone e quindi formulato un corretto programma sanitario di controllo”. E’ un passaggio della lettera che…

Condividi