“A Bergamo non sappiamo più dove portare i morti”

Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev
«A Bergamo, non sappiamo più dove portare i morti, ma non sappiamo neanche dove mettere i malati. Siamo qui per chiedere chiarezza per i morti, che nella bergamasca sono 90-100 al giorno. In poche settimane Bergamo sta perdendo i suoi nonni, così come tante altre città d’Italia. Le case di riposo della nostra provincia hanno avuto gli ospiti dimezzati, e gli operatori sanitari sono allo stremo. Lo stesso vale per i centri per disabili. Ringrazio chi non si ferma mai, perché i bergamaschi non sono abituati a stare con le mani in mano. Tanti volontari stanno costruendo un ospedale da campo nella Fiera di Bergamo».

Queste le parole del deputato leghista Daniele Belotti, in seduta alla Camera con la voce rotta dalla commozione per la tragedia che sta vivendo la sua provincia.

Condividi