Congo: 220 casi di vaiolo delle scimmie in meno di un mese

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), dall’inizio dell’anno fino al 26 gennaio 2020, sono stati segnalati 222 casi di vaiolo delle scimmie nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), .

La maggior parte dei casi è stata segnalata dalle province di Sankuru (31%), Bas-Uele (18%), Equateur (15%) e Mai-Ndombe (9%). Sono stati registrati quattro decessi.

Nel 2019 vi sono stati oltre 5.000 casi di monkeypox e oltre 100 decessi.

Il vaiolo delle scimmie è una malattia rara presente in tutte le parti remote dell’Africa centrale e occidentale, spesso vicino alle foreste pluviali tropicali. Si diffonde attraverso il contatto con un animale (vivo o morto) contagiato dal virus o con materiali contaminati.

I sintomi iniziano con febbre, mal di testa, dolori muscolari, linfonodi ingrossati ed esaurimento, cui fa seguito un’eruzione cutanea. La malattia è fatale per il 10% delle persone contagiate.

Condividi